L’analisi della Produttività

E’ un test attitudinale che permette di rilevare le potenzialità professionali di un individuo, consentendo alla persona che lo compila di ricevere consigli e indicazioni per sfruttare al meglio le proprie capacità e all’azienda di sapere esattamente su quali leve agire per rendere la persona produttiva e collaborativa.
Consente di individuare le aree di miglioramento in cui intervenire, valorizzando i “punti forti” della persona e fornendole gli strumenti per accrescere la propria produttività, ottenere risultati migliori e acquisire maggior gratificazione lavorativa.
Prevede un colloquio individuale con un consulente esperto nella valorizzazione delle risorse umane, durante il quale la persona riceve suggerimenti e consigli per utilizzare appieno le proprie potenzialità produttive allo scopo di ottenere successo sul lavoro.

I RISULTATI DERIVANTI DALL’UTILIZZO DEL TEST

  • Personale capace, produttivo, in grado di fare la differenza
  • Personale motivato che aderisce agli scopi aziendali
  • Personale competente in controllo delle proprie funzioni
  • Aumento della produttività aziendale
  • Miglioramento della qualità del personale esistente
  • Aumento del rendimento del personale scarsamente produttivo
  • Miglioramento della capacità del titolare e del management di gestire il personale
  • Miglioramento del clima in azienda, aumento dello spirito collaborativo

Lo Strumento

L’Analisi della produttività fornisce un grafico descrittivo di un “sistema di valori” composto da 10 caratteristiche fondamentali della personalità di un individuo. Tali caratteristiche definiscono le attitudini della persona e la sua propensione a reagire in un modo o in un altro a seconda delle situazioni.
Ai tratti del test è attribuito un punteggio che può oscillare da -100 a +100 assumendo diversi significati in relazione al valore corrispondente.

L’Analisi della produttività, consente di gestire efficacemente le persone facendo leva sulle giuste argomentazioni individuali così da riuscire ad ottenere il massimo in termini d’impegno e dedizione da parte di ogni singolo individuo. È stato sviluppato in maniera tale da garantire il massimo rendimento potenziale di un individuo tenendo in considerazione non solo il suo profilo personale ma anche il contesto in cui si inserisce e il modo in cui riuscirà ad interagire con gli altri membri del gruppo.

Fondamento logico

La vera difficoltà nella misurazione delle capacità attitudinali non si riscontra particolarmente nell’analisi nuda e cruda degli atteggiamenti, ma piuttosto nella previsione del comportamento di un individuo nelle centinaia di diverse situazioni a cui la vita, quotidianamente, lo sottopone. Come reagirà un impiegato quando il capo lo penalizza per errore? Quando gli viene richiesto di eseguire compiti urgenti proprio la sera in cui aveva programmato di andare a vedere la finale di coppa? Quando le persone che lui gestisce sono scontente e se la prendono con lui?

L’Analisi misura in che modo la persona ritiene di doversi comportare per avere successo nella vita. Misura come agisce, come assume decisioni, come si relaziona con gli altri. Il suo “modus operandi” è composto da modi di essere, visioni della vita, punti di vista, atteggiamenti. In generale queste caratteristiche vengono assunte dalla persona come soluzione ad alcuni problemi che si è ritrovata ad affrontare. Essere in quel modo, in una serie di circostanze che si sono ripetute nella sua vita, ha aiutato la persona (a risolvere un problema, a condividere una situazione positiva, a convivere con una situazione non ottimale, a raggiungere un traguardo). Progressivamente la persona ha assunto questi modelli di comportamento, ha abbracciato questo sistema di certezze come procedura operativa per il futuro. Le combinazioni che hanno favorito la sua vita nel passato, però, potrebbero non rivelarsi altrettanto favorevoli in una diversa posizione che la persona assume nel futuro o in una diversa situazione.